Vacanze al mare e programma di movimento due in uno

Le «Giornate delle boccate d’aria PLUS» della Lega polmonare svizzera puntano a motivare i malati polmonari a fare più movimento. Ecco il racconto di tre partecipanti.

Per patologie croniche come la BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva ), la giusta dose di movimento è una delle principali misure terapeutiche. Infatti, se i muscoli sono allenati utilizzano meno ossigeno, facilitando così le attività di tutti i giorni. Per motivare chi è colpito da malattie polmonari e delle vie respiratorie a fare più movimento, nell’autunno 2018 la Lega polmonare svizzera ha inaugurato le «Giornate delle boccate d’aria PLUS» a Spotorno, con un’offerta che combina le vacanze al mare e sport.

 

Andres Herrmann di Derendingen (SO), affetto da BPCO, vi ha preso parte già due volte. «Le semplici vacanze al mare per me sono troppo noiose», afferma il 74enne. Ecco perché le «Giornate delle boccate d’aria PLUS» fanno proprio al caso suo: non solo mare, ma sessioni di allenamento in palestra e all’aria aperta. «Dopo le vacanze dell’autunno 2018 ho iniziato a muovermi più spesso e mi sono persino comprato un tapis roulant», racconta Andres Herrmann. Grazie alla ginnastica di resistenza dal fisioterapista, è riuscito a fare del moto quasi tutti i giorni – per lo meno fino a quanto in inverno la sua condizione non è peggiorata a causa di vari problemi di salute, tra cui una grave polmonite. «È stato un periodo molto difficile.» Per questo la sua seconda partecipazione alle «Giornate delle boccate d’aria PLUS» nell’autunno 2019 è stata all’insegna del recupero. «L’aria di mare e lo sport con gli altri pazienti sono stati un toccasana anche questa volta e mi hanno motivato. Ora spero di tornare pian piano alla forma che avevo raggiunto.»

 

Il gruppo sportivo dei pazienti polmonari

Come dimostrato da un sondaggio svolto 6 mesi dopo la prima edizione, questa offerta della Lega polmonare non è stata d’aiuto solo per Andres Herrmann. Il 62% degli intervistati hanno dichiarato di sentirsi più in forma dopo il soggiorno a Spotorno. (v. grafica a destra) E alla domanda se l’esperienza li abbia motivati a muoversi di più anche a casa, il 75% ha risposto «Sì» o «Abbastanza».

 

«So che se voglio mantenere la mia qualità di vita devo fare movimento», riflette Daniela Frei di Seewis (GR). Nonostante i limiti che la BPCO comporta, da tempo fa tutto il possibile per rimanere attiva. Per questo lo sport non è un peso per lei. Delle «Giornate delle boccate d’aria PLUS» dell’autunno 2018, oltre al programma di attività fisica e alla località, la 56enne ha apprezzato lo scambio con altri pazienti. Vista la bella esperienza, al ritorno dalla vacanza ha fondato un gruppo d’incontro di pazienti polmonari. «Attualmente ci incontriamo una volta a settimana: per chiacchierare davanti a una tazza di caffè, muoverci all’aperto o fare un’escursione.»

 

Più in forma grazie all’alle­na­mento

Per incoraggiare Anne-Marie Korn di Zurigo (87 anni) a fare movimento ci vuole invece più impegno. «Sono un po’ pigra», ammette. Per questo durante le «Giornate delle boccate d’aria PLUS» si è goduta soprattutto il mare e l’aria fresca, un po’ meno le attività fisiche.

 

Durante una riabilitazione questa estate, tuttavia, si è resa conto che con la ginnastica di potenziamento e di resistenza può migliorare nettamente il suo stato. «Alla fine della riabilitazione sono riuscita a camminare 5 minuti più a lungo rispetto a quando avevo iniziato.» Un motivo più che sufficiente per iscriversi di nuovo alle «Giornate delle boccate d’aria PLUS». «Ora so che devo fare qualcosa per me.»

In vacanza senza pensieri

Con le «Giornate delle boccate d’aria PLUS», la Lega polmo­nare sviz­zera offre alle per­sone affet­te da ma­lattie polmo­nari e respi­rato­rie e ai fami­liari al seguito la possi­bilità di godersi le ferie senza pen­sieri, in Svizze­ra e all’es­tero. I viaggi di gruppo sono accom­pa­gnati da spe­cia­listi medici. La Lega pol­monare inoltre assi­cura le for­niture di ossi­geno. Dal 2018 l’offerta «Gior­nate delle bocca­te d’aria PLUS» combi­na le ferie a un pro­gram­ma di movimento.

www.legapolmonare.ch/giornatedelleboccatedaria

 

Sei mesi dopo le «Giornate delle bocca­te d’aria PLUS» il 62% degli inter­vis­tati si sente meglio di prima.

DE | FR | IT

 

 

DE | FR | IT

 

Lega polmonare svizzera
Chutzenstrasse 10 | 3007 Berna